Un pomeriggio con gli amici. Compagni di scuola.
Un pomeriggio iniziato come tanti altri. Insieme a studiare, a fare i compiti, a giocare. Poi all'improvviso un dramma senza fine. Quelle ore, quell'appuntamento spensierato, divertente, condiviso tante volte, si è trasformato in una tragedia che ha sconvolto una intera comunità e non solo. Quel trattore che si è sfrenato e lo ha investito senza lasciargli scampo, ha tolto la vita a un bambino di soli dieci anni e distrutto il cuore dei genitori, dei familiari, degli amici, di tutti i cittadini di Sgurgola.

Mario Graziani, purtroppo, non è riuscito a mettersi in salvo quando ha visto il mezzo "impazzito" che lo raggiungeva. Il personale medico arrivato per soccorrerlo, purtroppo, non è riuscito a fare nulla.
Il suo cuore aveva già cessato di battere. L'incidente ieri pomeriggio in via Calanzio, nella parte bassa del paese, poco distante dal campo sportivo e a pochi metri dalla sua abitazione. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri per i rilievi di rito e per ricostruire i contorni della tragedia.

La ricostruzione
Frequentava la classe quinta della primaria di Sgurgola.
Aveva raggiunto l'abitazione di un amico, insieme ad altri compagni. Hanno approfittato anche della bella giornata soleggiata per stare fuori, in giardino. Erano attorno ad un tavolo a studiare. Ad un certo punto, stando a una prima ricostruzione dei fatti, hanno visto un trattore che si è sfrenato, diretto verso la loro postazione. I bambini si sono subito alzati e sono fuggiti, ma Mario non è riuscito a scampare al pericolo.
E così è stato travolto dal mezzo agricolo. Una scena terribile. Agghiacciante.

I soccorsi
L'ambulanza prima e l'eliambulanza subito dopo hanno subito messo in allerta i residenti della zona e non solo i quali hanno capito che qualcosa di grave era accaduto.
Purtroppo l'elicottero dell'Ares 118 si è alzato in volo senza Mario. I soccorsi sono stati vani. Necessario anche l'intervento dei vigili del fuoco.

Lo sgomento
Uno strazio senza fine per i genitori, papà Cataldo e mamma Ramona. Lui operatore scolastico di Sgurgola, lei infermiera, molto conosciuti e stimati in paese.
Hanno appreso la notizia poco dopo. La loro abitazione è a pochi metri dal luogo della tragedia. Sconvolti anche i genitori dei compagni di Mario e la famiglia che lo ospitava. Immediatamente hanno contattato i soccorsi, ma per il bambino non c'è stato nulla da fare. Troppo gravi le ferite riportate dovute a un trauma da schiacciamento. Il luogo dell'incidente è stato raggiunto dai carabinieri della Compagnia di Anagni per ricostruire l'esatta dinamica dell'accaduto e il magistrato della procura di Frosinone. La salma è a disposizione dell'autorità giudiziaria. Si attende ora il nulla osta per portare l'ultimo saluto al piccolo Mario. Per il giorno dei funerali sarà proclamato il lutto cittadino. Lo ha annunciato ieri sera il sindaco Antonio Corsi esprimendo vicinanza alla famiglia del bambino.

Stava studiando con alcuni compagni in giardino quando all'improvviso, per cause al vaglio degli investigatori, si è sfrenato un trattore che lo ha investito e ucciso.

Morto sul colpo un bambino di dieci anni. La tragedia intorno alle 16 nella parte bassa del paese. Sul posto il personale medico che non ha potuto fare altro che constatare il decesso. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri per i rilievi.

di: Nicoletta Fini