Angelo Camilli eletto presidente di Unindustria con oltre il 90% dei voti favorevoli. Succede a Filippo Tortoriello.
Via libera anche al programma, alla squadra di presidenza e alle deleghe. Per il quadriennio 2020-2024. Si chiude così la lunga fase del rinnovo di Unindustria.

L'associazione (3.000 aziende, per un totale di 220.000 dipendenti) «sarà chiamata come recita una nota ad operare in un contesto economico e sociale totalmente inedito, per le criticità imposte dalla pandemia Covid, ma anche per l'unicità di alcune opportunità che dovrà saper cogliere». Angelo Camilli lancerà tre grandi progetti strategici: l'Expo a Roma nel 2035, il Politecnico del Lazio, la Blue Economy. Dunque, filiera turistica, rapporto tra imprenditoria e mondo della ricerca e sviluppo sostenibile.

Recita il comunicato: «Il programma ha tra i suoi obiettivi il sostegno, nella Valle del Sacco e nelle altre aree di crisi regionali, di tutti quegli investimenti che abbiano capacità rigenerative e che offrano possibilità di crescita nei territori». E ancora: «La ripresa del Lazio dovrà fondarsi sulla realizzazione, prevista anche dall'agenda governativa, delle infrastrutture materiali strategiche per la Regione: la Roma-Latina, l'Orte-Civitavecchia, la bretella Cisterna-Valmontone, il potenziamento della Salaria, la chiusura anello ferroviario di Roma e l'espansione della capacità di Fiumicino. Compito di Unindustria sarà vigilare sul rispetto della pianificazione e dei tempi di realizzazione».

Ad affiancare Camilli ci saranno due vicepresidenti di diritto (Fausto Bianchi e Giulio Natalizia) e nove elettivi: Gianfranco Battisti, Giuseppe Biazzo, Stefano Cenci, Sabrina Florio, Alessandro Francolini, Alessandra Santacroce, Guido Stratta, Alberto Tripi, Giovanni Turriziani. Quest'ultimo avrà la delega alla Green Economy. La squadra si completa con i presidenti delle Aree Territoriali. Per la provincia di Frosinone Miriam Diurni subentra proprio a Giovanni Turriziani. Presidente del consiglio di amministrazione dell'azienda Carmesi (società consortile specializzata in logistica, con sede ad Anagni), Miriam Diurni vanta esperienze nel cda del Consorzio Asi ed è membro del consiglio della Camera di Commercio di Frosinone.