«Ringrazio per l'aiuto che ci state dando tutti dopo la morte di mio fratello. È stato un eroe, la persona più brava al mondo e cercherò di seguire il suo esempio».
Sono le parole di Milena Monteiro Duarte, sorella di Willy, pestato a morte il 6 settembre scorso a Colleferro. Parole pronunciate a Fiuggi dove sabato scorso ha ricevuto una borsa di studio dal Cenacolo odontostomatologico centro Italia (Coci). A consegnarle il riconoscimento il presidente del Coci e consigliere Cnel Francesco Riva.

Tra i presenti anche la professoressa Filomena Liberti, preside dell'istituto alberghiero dove ha studiato il ventunenne. «Willy era buono, sensibile, generoso. E ha perso la vita per la sua generosità - ha detto la professoressa Liberti - Il suo ricordo resterà nei nostri cuori».

Intanto proseguono a 360° le indagini sull'omicidio del giovane cuoco di Paliano. Si attendono i risultati degli esami effettuati sulla tappezzeria del suv e sui vestiti dei quattro arrestati, i fratelli Marco e Gabriele Bianchi, Mario Pincarelli (tuttora in carcere a Rebibbia) e Francesco Belleggia (ai domiciliari). Sia sull'auto, con cui tre dei quattro indagati si sono allontanati dopo l'aggressione, che sugli abiti, sono state trovate tracce organiche che saranno analizzate per accertare o meno se siano riconducibili alla vittima. Atti irripetibili anche sui telefoni.