Un ultimo drammatico biglietto per chiedere scusa alla mamma e spiegare i motivi del suo estremo gesto. Poi si è lasciato cadere dal decimo piano del palazzo in cui abitava con la famiglia. Choc a Napoli per la tragica morte di un ragazzino di 11 anni.

«Scusa mamma, ho paura dell'uomo nero». E' questo l'ultimo biglietto scritto dal piccolo. Poi, secondo la ricostruzione si è lanciato nel vuoto poco dopo la mezzanotte. Ed è caduto su un ballatoio interno. Inutile la chiamata disperata al 118, i soccorritori non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Ad avvisare il 118 sono stati i familiari, che non trovandolo a letto lo hanno cercato in casa per poi fare la tremenda scoperta.

Sullo stato di paura vissuto nelle ultime ore di vita e sul contenuto del biglietto ora si concentrano le indagini. L'undicenne allude, in particolare, a un uomo nero, e gli inquirenti non escludono che possa essere stato vittima dei cosiddetti «challenge dell'orrore», del tipo «blue whale», un gioco che si svolge totalmente on-line, che comprende atti di autolesionismo e anche, alla fine, il suicidio.