Dopo la professoressa Patrizia Caprara, interrogato il marito Gianfranco Grandi. La coppia è stata arrestata su ordine del gip del tribunale di Latina (lei in carcere, lui ai domiciliari) con l'accusa di favoreggiamento della prostituzione per aver concesso in locazione due ville di proprietà a Terracina e Sabaudia e altre abitazioni prese in affitto sul litorale a ragazze che si prostituivano.

Ieri, alla presenza dell'avvocato Nicola Ottaviani, si è svolto a Frosinone, per rogatoria, l'interrogatorio di garanzia di Grandi. Questi ha respinto le accuse e ha sostenuto che dall'affitto alle ragazze non derivava alla coppia un ulteriore vantaggio economico rispetto a un affitto "normale". Ha riferito di aver affittato anche a normali vacanzieri per dimostrare che gli appartamenti non erano ad uso esclusivo delle prostitute come sostiene la procura di Latina. Inoltre, ha aggiunto che seppur qualche sospetto potesse balenargli, visto che si trattava spesso di ragazze avvenenti, né lui né la moglie hanno mai accertato direttamente cosa le ragazze facessero all'interno delle mura domestiche.
Ultimati gli interrogatori, l'avvocato Ottaviani sta preparando un ricorso al Riesame per chiedere l'annullamento delle misure.