Esplode l'arte in pieno centro a Sora. Sono già tre i volti realizzati finora nel cuore della città volsca raffiguranti visi di personaggi che hanno lasciato un segno nella comunità. Storie diverse tra loro che si intrecciano con il reticolato urbano trovando spazio sulle facciate di stabili che riconsegnano uno spaccato di vita condivisa con molti cittadini.

A realizzare questi ritratti è l'artista sorano Francesco Tersigni che ha voluto lasciare il suo segno distintivo tra i vicoli del centro storico. L'ultimo in ordine di tempo è stato realizzato alle spalle dell'ingresso principale del Comune. In molti, mentre Francesco realizzava il murales, hanno fatto i complimenti al ragazzo, anche lo stesso protagonista del ritratto che si è sorpreso per la straordinaria somiglianza e ha ringraziato il giovane artista che con passione e determinazione ha portato a termine l'opera in quattro giorni. Ha studiato le misure, i colori, la tecnica.

E ora, invece delle orribili scritte sui muri che degradano i vicoli del centro, ci si imbatterà in qualcosa di bello e fortemente evocativo.
Francesco ha in mente un progetto più ampio da presentare ufficialmente con l'avallo di un associazione locale. Un modo per rilanciare la città, scegliendo non di lamentarsi ma di proporsi per il bene della comunità, presentando il bello, l'arte che cattura l'attenzione e che affonda nei ricordi del vissuto dei cittadini sorani che alzando gli occhi ritrovano personaggi che hanno arricchito la storia della città, lasciando il segno, chi in silenzio e chi con un carattere estroso. La storia per essere ricordata va scritta: Francesco ha scelto di dipingerla.