Torna in città un importante servizio per i cittadini, che sarà attivo per i prossimi quattro anni. Lo scorso 4 settembre la giunta De Donatis ha deliberato di concedere all'Ater di Frosinone, a costo zero e senza spese per i consumi, due locali di proprietà comunale ubicati al primo piano del convento dei frati minori conventuali. Ospiteranno lo sportello Ater. Dagli atti firmati si evince che gli uffici Ater occuperanno gli spazi dell'ormai ex sala informatica della biblioteca comunale. Serviranno per allestire e attivare lo sportello informativo territoriale dell'Ater.

Le modalità di utilizzo dei locali sono state indicate nello schema di convenzione. Le attrezzature di lavoro (computer, stampanti e scanner) e il materiale di cartoleria verranno forniti dall'Ater. La convenzione disciplina inoltre i rapporti tra il Comune e l'Ater per le finalità di utilizzo dei locali in questione. Il Comune di Sora e l'Azienda territoriale per l'edilizia residenziale collaborano da tempo per contrastare l'emergenza abitativa. Nel 2004 l'Ater di Frosinone, per razionalizzare le spese, aveva chiuso il servizio informativo territoriale destinato agli assegnatari e ai dimoranti negli alloggi popolari di Sora.

Nel corso degli anni, però, l'azienda territoriale attualmente guidata dal commissario Sergio Cippitelli ha riscontrato la necessità di fornire all'utenza del Sorano una migliore informazione sui problemi conness alla gestione degli alloggi e quindi ha deciso di riattivare lo sportello di Sora. Per questo ha manifestato la volontà di implementare il contatto diretto con gli assegnatari e con chi vive negli alloggi Ater per migliorare i processi di gestione del proprio patrimonio immobiliare nella zona, anche in virtù della recente normativa regionale che ha fissato nuove modalità per l'ampliamento del nucleo familiare degli assegnatari.

Proprio sposando questa linea, il commissario straordinario dell'Ater di Frosinone, Cippitelli, con la deliberazione numero 37 del 22 ottobre scorso, diede mandato al direttore generale di rendere operativi gli sportelli periferici di Cassino e Sora.