Continuano le polemiche sul centro di raccolta dei rifiuti che dovrebbe nascere in località Ponte Teano a Pontecorvo. Stavolta a intervenire sulla questione è la Enel Green Power che, nelle scorse settimane, ha inviato una diffida ai Comuni di Pontecorvo ed Esperia e alla Provincia di Frosinone. Diffida trasmessa, tra gli altri, anche alla Prefettura e al Dipartimento della Protezione Civile.

L'intervento della società è avvenuto a seguito della segnalazione trasmessa da alcuni residenti della zona di Ponte Teano. Una segnalazione in cui si parlava di un transito di mezzi pesanti sui ponti del canale di derivazione della centrale idroelettrica di Pontecorvo. Mezzi che, stando alle segnalazioni, avrebbero avuto una portata superiore a quella consentita. Nella nota trasmessa alla società è stata anche evidenziata l'autorizzazione di un centro di raccolta di rifiuti proprio in quella zona comportando un transito di mezzi pesanti proprio nella zona.

Da qui è scaturito l'intervento della società che con una pec inviata nei giorni scorsi che ha chiesto agli enti destinatari (i Comuni di Esperia e Pontecorvo e la Provincia di Frosinone) di trasmettere i provvedimenti con cui è stata impedita la "circolazione sui ponti in questione di automezzi di peso superiore alla portata degli stessi".