Dopo Cassino anche ad Anagni slitta al 24 l'apertura delle scuole di pertinenza comunale. Questa la dichiarazione del Sindaco Daniele Natalia: "Unitamente al consigliere subdelegato alla Pubblica Istruzione Riccardo Ambrosetti, al responsabile del Servizio dott.ssa Natalina Pofi ed ai Dirigenti Scolastici degli Istituti di pertinenza comunale, ho deciso di emanare una Ordinanza per posticipare al 24 settembre l'apertura delle scuole comunali.

Gli Uffici preposti stanno preparando l'Ordinanza.
Abbiamo preso questa decisione poiché, oggettivamente, non avrebbe avuto senso dare il via alle attività didattiche per pochi giorni, per poi interromperle a causa del Referendum del 20-21 settembre.

LEGGI ANCHE: Cassino, la prima campanella slitta al 24 

Le operazioni elettorali avrebbero infatti costretto l'Amministrazione Comunale ad effettuare ben tre cicli di sanificazione di tutti gli Istituti scolastici di sua pertinenza con un evidente spreco di risorse pubbliche.
Posticipare invece al 24 l'apertura delle scuole non solo consentirà al Comune di risparmiare importanti risorse ma anche di approntare al meglio, sotto il profilo della sicurezza di alunni, docenti e personale non docente, i locali scolastici cittadini".

Il 14 settembre a Cassino la campanella non suonerà. Gli studenti della scuola dell'infanzia, della primaria e della secondaria di primo grado torneranno in classe il 24 settembre, dopo il referendum. I piccoli dell'asilo di via Arigni seguiranno le lezioni nella struttura delle ex Suore Stimmatine fino al 31 ottobre e torneranno nella loro sede solo nel mese di novembre. Dopo le indiscrezioni trapelate nella giornata di ieri poco fa è arrivata l'ufficialità nel corso di una conferenza stampa alla presenza del sindaco Enzo Salera, dell'assessore alla pubblica istruzione Maria Concetta Tamburrini e dell'assessore ai lavori pubblici Francesco Carlino.

Domani, invece, prenderanno il via le attività nell'asilo nido di via Botticelli. Il sindaco rivela: "La richiesta che ci è stata fatta era per la riapertura il 28 ma noi riteniamo opportuno riaprire il 24. Faremo una sanificazione con l'ozoto dopo il voto". 

di: Alberto Simone