Una tragedia, quella di Alessandra Pomella, che ha sconvolto la città di Frosinone e l'intero territorio, annichilito da quella notizia che nessuno vorrebbe mai leggere. Una giovanissima, neppure 22enne, ha deciso di togliersi la vita in quel multipiano maledetto, ma a restare vivo è il suo ricordo. E così, sul profilo del sindaco Nicola Ottaviani compare questo post. Una lettera immaginaria, scritta a quattro mani da lui e la dolce Alessandra. Parole rivolte a tutta la comunità, soprattutto ai giovani figli della nostra realtà.

Il post
Alessandra ama ancora la vita.
(Lettera immaginaria, a quattro mani, da Alessandra e Nicola, ai giovani della città). Per chi ha avuto la fortuna di conoscerla, il fatto che Alessandra amasse immensamente la vita non è certo una novità, ma per tanti di noi potrebbe essere una sorpresa, invece, considerare che Alessandra continuerà ad amarla, ovunque ora si trovi. Come? Tramite ognuno dei suoi amici, dei suoi ex compagni di scuola, attraverso i sogni ed i progetti di ogni ragazza e di ogni ragazzo che vivono nella nostra città. Perdonaci, Alessandra, se in quell'attimo di smarrimento non eravamo presenti, o se quando hai messaggiato con qualcuno di noi, in passato, abbiamo letto con troppa fretta quello che scrivevi, o quando volevi, semplicemente, parlare e noi ti abbiamo sentito ma non ti abbiamo ascoltato, o quando eravamo in attesa che tu venissi a suonare al nostro citofono, mentre eravamo noi che dovevamo venirti a cercare.

Conoscendoti, abbiamo la certezza che, adesso, il tuo sguardo benevolo ci ha già perdonato, chiedendo a tutti noi, però, qualcosa in cambio. Continuare a farti vivere nei sogni e nei progetti dei ragazzi della nostra città, nelle loro infinite ambizioni, nella loro "sana rabbia" per cambiare le cose che non vanno e nell'amore per far germogliare quelle che valgono davvero. Un dubbio, a volte, corre nella mente di tanti, più e meno giovani di Alessandra. Ma vale davvero la pena vivere? Dovremmo chiederlo a chi non ha mai vissuto completamente.

Magari, in parallelo, potremmo chiedere ad un non vedente cosa abbia provato in quell'unico giorno in cui i suoi occhi si sono aperti, prima di tornare al buio, e lui risponderebbe che, anche se per un istante solo, non avrebbe voluto perdersi quel momento per tutto l'oro del mondo. E allora i giovani della nostra città, insieme a te, continueranno a sorridere, a piangere, a lottare, ma soprattutto a vivere, perché, bella o difficile che sia, la vita non è soltanto nostra, poiché appartiene anche agli altri. Sì, a tutti quei giovani, nella cui anima, continuerà ogni giorno a vivere il tuo bellissimo sguardo.
Ciao Alessandra.
(Firmato il sindaco, Nicola Ottaviani, e la tua città)