«Così non va», il sindaco di Amaseno, Antonio Como, annuncia una «stretta sui controlli nei locali pubblici (bar e negozi) e nei luoghi aperti dove sono soliti crearsi assembramenti di persone, con la collaborazione dei vigili urbani e della locale stazione dei carabinieri». Fino ad ora, infatti, l'osservanza delle misure anticovid stabilite nei decreti governativi, specialmente da parte degli avventori dei locali amasenesi, è stata effettivamente abbastanza superficiale.

Migliore il dato riguardante gli esercenti, i quali nella maggior parte dei casi si sono mostrati attenti nell'osservanza delle regole di distanziamento e nell'indossare la mascherina, seppure con qualche eccezione che non deve ripetersi. All'indomani del post con cui il sindaco amasenese aveva pubblicamente annunciato la presenza di un concittadino positivo al Covid-19, nel paese lepino sono scattate le indagini epidemiologiche e la situazione risulta delicata. Ieri altri tre casi. Tutti cluster di rientro.

Sempre Como ha invitato i cittadini a mantenere la calma, sottolineando che «non ci sono untori e la situazione è sotto controllo ma bisogna utilizzare le mascherine, lavare le mani e rispettare le regole di distanziamento». Alla voce del sindaco si sono uniti anche i medici di base di Amaseno, i quali raccomandano alla popolazione del paese lepino «di osservare scrupolosamente le norme di distanziamento sociale e igieniche al fine di ridurre quanto più possibile il rischio di diffusione del contagio». Sottolineano inoltre «l'indispensabilità dell'uso della mascherina all'interno ed in prossimità dei locali pubblici, oltre che nei luoghi di possibile assembramento». Ribadiscono il «divieto di recarsi presso gli ambulatori di medicina generale, di guardia medica e di pronto soccorso in caso di sintomi simil influenzali (febbre, mal di gola, tosse, dolori articolari e diarrea). In presenza di questi sintomi tutti sono invitati a contattare telefonicamente il loro medico curante per ricevere assistenza e indicazioni su come comportarsi.

Nell'eventualità si tema di essere entrati in contatto con persone sicuramente Covid-positive è necessario chiamare il numero verde 800.118.800 o telefonare al proprio medico curante».
Insomma l'attenzione, perlomeno da parte delle figure professionali maggiormente interessate dalla necessità di far rispettare le norme anticovid è alta, tuttavia resta necessaria e fondamentale la piena collaborazione di tutti per evitare ciò che nessuno si augurerebbe.