Morte in A1 di Domenico Alfano e del nonno, la polizia stradale di Cassino al comando dal sostituto commissario Giovanni Cerilli esamina le immagine riprese dalle videocamere installate sull'autostrada.
Proseguono le indagini per ricostruire la dinamica del tragico incidente verificatosi in autostrada e costato la vita a due persone.

Non si sta trascurando alcun dettaglio nella ricostruzione della dinamica dell'incidente per cui risulta indagato, per omicidio stradale, il trentaduenne di Roma che era alla guida della Giulietta Alfa Romeo sul cui lato posteriore destro sono stati rinvenuti segni compatibili con un urto.

Il trentaduenne che lunedì 17 agosto, mentre in auto con il fratello scendeva al Sud per andare in vacanza, pare abbia allertato i soccorsi a seguito del tragico sinistro in cui hanno perso la vita l'undicenne Domenico Alfano e il nonno di 68 anni che guidava il maxi scooter su cui viaggiavano i due, diretti da Ceprano ad Angri.

Dopo l'incidente il trentaduenne, a distanza di uno-due chilometri da'impatto, si sarebbe fermato provvedendo personalmente a chiamare i soccorsi, avvisandoli del sinistro. Oltre ai mezzi, sono stati sequestrati anche i cellulari.

La polizia stradale di Cassino, al comando dal sostituto commissario Giovanni Cerilli, procede con le verifiche e i riscontri, nel tentativo di incastrare i tasselli della complessa ricostruzione dell'incidente. Importante l'eventuale disponibilità di testimoni che hanno assistito alla tragica scena. Utenti in viaggio sull'A1, corsia sud, intorno alle 12 di lunedì 17 agosto che, a circa un chilometro di distanza dal casello di Caianello, si trovavano dietro o vicino al maxi scooter su cui nonno Domenico e nipote viaggiavano diretti ad Angri.

La polizia stradale sta eseguendo un accurato lavoro di ricostruzione, tasselli complessi che devono incastrarsi perfettamente, consentendo di ricostruire i tragici istanti che hanno portato al terribile decesso di nonno e nipote.  Un perché alle loro morti arriverà solo dopo aver messo insieme i dati rilevati dopo il sinistro, gli esiti degli esami medico-legali, i tabulati telefonici, le immagini delle videocamere e le eventuali preziose testimonianze.