Attesa per i funerali di Mario Coratti, l'imprenditore monticiano di 61 anni, vittima di un incidente stradale che si è verificato il 4 agosto scorso al Giglio di Veroli, sotto il cavalcavia della superstrada. La salma è a disposizione dell'autorità giudiziaria. Coratti è deceduto nel tardo pomeriggio di domenica al policlinico Tor Vergata di Roma dove era stato ricoverato tre settimane fa. Si attende ora il nulla osta della salma per portare l'ultimo saluto al sessantunenne, molto conosciuto e stimato. Lascia la moglie e due figli. Tanti i messaggi di cordoglio alla famiglia e in ricordo del monticiano, da tutti ricordato come un uomo perbene, dal cuore grande, dedito al lavoro e alla famiglia.

L'uomo viaggiava su una Fiat Punto quando si è verificato l'impatto, al vaglio dei militari, con una Mini Cooper condotta da una trentenne verolana. Nell'impatto il veicolo del monticiano si è ribaltato. I due feriti erano stati trasportati all'ospedale di Frosinone. In un primo momento le condizioni di Coratti non sembravano essere serie, ma dopo qualche ora ne è stato deciso il trasferimento in una struttura più attrezzata della capitale. Domenica pomeriggio il decesso.