La Sardegna si conferma, in questo momento, una vera e propria "bomba" per la ripresa della pandemia da Coronavirus. Nell'isola ogni giorno vengono individuati nuovi focolai del virus che poi, con i rientri a casa dei vacanzieri, viene inevitabilmente diffuso nei rispettivi luoghi di residenza. Sebbene lo sforzo per arginare il fenomeno da parte delle autorità sanitarie sia davvero massimo. 

A rilanciare l'allarme-Sardegna è stato, poco fa, l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato. Che ha scritto: "Nella Asl Roma 4, precisamente a Bracciano, ad oggi, sono stati individuati 12 positivi complessivi: tutti ragazzi collegati a link della movida di Porto Rotondo. 

Lancio un appello al rispetto degli isolamenti e a non frequentare altre persone. C'è stato un abbassamento dei livelli di prevenzione impressionante. Ci aspettiamo un notevole incremento dei casi legato ai rientri soprattutto dalla Sardegna. Ribadisco la necessità di fare i test rapidi antigenici agli imbarchi dalla Sardegna. I positivi asintomatici non devono essere imbarcati per ridurre la propagazione del virus".