Dopo anni di attesa, in Comune sono stati firmati quattro decreti di nomina di ispettore ambientale.
Lo ha fatto ieri il vicesindaco Fausto Baratta. I quattro incaricati opereranno sull'intero territorio comunale per l'accertamento delle violazioni in materia ambientale e redigeranno verbali di contestazione degli illeciti.

Controlli e segnalazioni, insomma, per chi abbandona rifiuti. L'amministrazione comunale ha individuato delle figure per la vigilanza sul corretto conferimento, sulla gestione, la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti.
Obiettivo dichiarato: concorrere alla difesa del suolo, del paesaggio e alla tutela dell'ambiente in città e in tutto il suo territorio.

«Finalmente ci siamo  - dice con tono soddisfatto l'assessore all'ambiente Natalino Coletta - Ringrazio l'ex assessore Baratta per il lavoro profuso per centrare questo obiettivo; abbiamo istituito la figura dell'ispettore ambientale comunale che svolgerà attività informative ed educative verso i cittadini sulle modalità e sul corretto conferimento dei rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata. Una figura importante che svolgerà un'opera di prevenzione nei confronti di quegli utenti che, con comportamenti irrispettosi del vivere civile, arrecano danno all'ambiente, all'immagine e al decoro della città. Svolgerà le funzioni di vigilanza, di controllo e di segnalazione, nonché di accertamento degli illeciti rispetto ai regolamenti comunali e alle ordinanze sindacali relative a deposito, gestione, raccolta e smaltimento rifiuti».

Perciò l'assessore Coletta avverte: «Sono in arrivo sanzioni per chi crede di fare il furbo. Sono in funzione le telecamere dell'ecocentro di Santa Rosalia e qualche automobile nei giorni scorsi già è stata individuata dagli occhi elettronici. Ora manderemo tutto il materiale filmato alla polizia locale e chi ha abbandonato i rifiuti pagherà una multa di circa 175 euro».