Una notizia che certamente alimenterà altre polemiche in merito alla presenza dei profughi nell'ex "Daniel's.
Questa volta a finire nel mirino delle forze dell'ordine non è stato un ospite ma un operatore del centro di accoglienza straordinaria. Il ragazzo di ventitré anni, di nazionalità ghanese, è stato infatti denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e poi trovato in possesso di un minimo  quantitativo di droga, 1,7 grammi di marijuana.

I fatti
L'operazione si è svolta nella giornata di domenica scorsa con i carabinieri della stazione di Fiuggi, comandati dal luogotenente Raffaele De Somma, impegnati nel quotidiano servizio di vigilanza del centro di accoglienza straordinaria allestito nell'ex "Hotel Daniel's", dove sono alloggiati i rifugiati provenienti da Lampedusa. I militari hanno denunciato il ventitreenne ghanese, residente a Frosinone, per il reato di resistenza a pubblico ufficiale.

L'extracomunitario è stato anche segnalato alla prefettura per violazione dell'articolo 75 del Dpr.
309/90 sulla detenzione di sostanze stupefacenti.
Ma veniamo ai fatti. Il ghanese, in servizio nel centro di accoglienza straordinaria della città termale, era stato notato dai militari per il suo atteggiamento sospetto all'esterno della struttura. I carabinieri, pertanto, poco convinti dal comportamento dell'operatore, hanno proceduto alla sua perquisizione personale che ha consentito di rinvenire, all'interno di una tasca dei pantaloni, 1,7 grammi di marijuana.

Il giovane, nel tentativo di evitare che i militari procedessero al sequestro dello stupefacente, ha opposto resistenza strattonandoli. E questo ha fatto scattare la denuncia nei suoi confronti per resistenza a pubblico ufficiale. La droga trovata nei suoi pantaloni, invece, è stata sottoposta a sequestro. Nel frattempo va sottolineato che i profughi ospitati nella struttura non stanno dando alcun tipo di problema seguendo quelle che sono le direttive della società che li accoglie.