«Ma a chi dobbiamo rivolgerci?», chiede una residente esasperata. Anche perché non c'è interruzione mai e la pessima abitudine di scambiare gli androni dei palazzi per toilette pubbliche ha esasperato i residenti.

«Tempo fa salivano nel sottotetto, abbiamo trovato bottiglie e materassi», un altro sfogo sulle cattive abitudini di ieri unite a quelle di oggi. Tutto parte dalla piazza salotto e dagli altri "spazi di nessuno" in centro dove tra droga, mix alcolici e schiamazzi il weekend è diventato un unico "regno" dove comanda lo sballo.

Non c'è pace neanche a notte davvero fonda: resistono in centinaia, spesso si fermano in gruppo sui gradoni di piazza Labriola, nella zona San Giovanni, alle spalle del Comune o in altre viuzze a cantare, litigare e a sfogare gli eccessi.

Arrivano da tutti i territori, Valle dei Santi, Valle di Comino, area molisana e casertana. È un ritrovo fisso e pure piace vole a vedersi se non fosse per malaffare e disturbo dei cittadini. Parcheggi selvaggi e auto che girano, alcune accelerano come se via Verdi, via Pascoli o la zona Restagno fossero piste da rally.

Eccoli i protagonisti della notte. E quando loro dormono beati, alle 5 la società addetta si mette a ripulire tutto il centro mentre i primi residenti che si svegliano incassano i risultati dei bagordi.