«San Lorenzo, io lo so perché tanto di stelle per l'aria tranquilla arde e cade, perché sì gran pianto nel concavo cielo favilla». La poesia più famosa su San Lorenzo è di Giovanni Pascoli. Versi che riaffioriranno nei ricordi di tanti oggi, giorno dedicato dal calendario a san Lorenzo e alle stelle cadenti.
Come ogni anno si rinnova la tradizione dell'Osservatorio astronomico di Campo Catino di organizzare una serata da trascorrere tra gastronomia e telescopi. La "notte osservativa" a Campo Catino per la visione del cielo e delle stelle cadenti quest'anno si terrà mercoledì 12 agosto. Una scelta dovuta al fatto che, quest'anno, «il massimo del fenomeno è previsto proprio nella notte tra il 12 ed il 13».

«L'evento, realizzato in collaborazione con Regione Lazio, Provincia di Frosinone, Consorzio di Campo Catino e Guarcino, Comune Guarcino e Unione Astrofili Italiani si prefigge di proporre una serata diversa in cui avvicinarsi al firmamento sempre più difficile da ammirare in città per l'inquinamento luminoso», fanno sapere dall'Osservatorio. Dopo l'appuntamento a tavola, alle 22 verranno spenti i lampioni per effettuare le osservazioni con i telescopi messi a disposizione dallo staff della Specola.

Per il rispetto delle misure di Covid 19 è necessario l'uso della mascherina benché l'evento sia all'aperto.
Per prenotazioni entro le 12 dell'11 agosto: ristorante albergo Eden 349/8054524 – 349/0602055; ristorante Luciana 0775/435944; bar ristoro Virgilio 377/2016433. Per informazioni: www.campocatinobservatory.org, 0775/833737.