I carabinieri di Anagni continuano nelle attività di controllo del territorio per la verifica del rispetto delle prescrizioni impartite dalle autorità nazionali e locali connesse all'emergenza sanitaria in atto, tese ad evitare assembramenti. A Paliano, il cui centro storico è animato dalla "Estate Palianese", sono state denunciate tre persone, responsabili di violazione di carattere penale in materia di porto abusivo di armi o oggetti atti ad offendere, con il contestuale sequestro di due coltelli a serramanico del genere proibito e di una mazza in legno tipo baseball.

Sono state anche segnalate alla Prefettura, per uso personale di sostanze stupefacenti, sette giovani (cinque ciociari e due romani) e sequestrati 0,50 grammi di cocaina, 1 grammo di marijuana e 3 di hashish. Il sindaco Alfieri con un post ha ringraziato le forze dell'ordine per i servizi e i controlli che stanno effettuando.

Nei confronti di due persone di Latina, che non hanno fornito esaustive giustificazioni della loro presenza nel comune di Anagni, è stata avanzata, invece, la proposta per l'irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio. Complessivamente sono state controllate 100 persone e 70 veicoli, con l'impiego di 20 militari.
Ad Anagni i militari, coadiuvati dai vigili urbani, nel corso di un'ispezione ad un'attività di somministrazione di alimenti e bevande hanno elevato una sanzione amministrativa di 5.000 euro al titolare di un noto circolo ricreativo, sorpreso mentre somministrava bevande ed alimenti a numerosi avventori non associati.