Era il 23 marzo scorso (nel pieno dell'emergenza Covid), quando la Asl di Frosinone annunciò che a partire dal giorno successivo (24 marzo quindi) sarebbero state sospese le visite dei parenti e degli amici ai degenti ricoverati. Scriveva l'Azienda Sanitaria Locale: «Nell'ambito dei provvedimenti urgenti di riorganizzazione per l'emergenza Covid-19, la Direzione Aziendale ha disposto la chiusura dell'accesso ai reparti di degenza per i visitatori e familiari negli ospedali per acuti».

Nei giorni scorsi c'è stata una direttiva regionale e Patrizia Magrini (direttore generale facente funzioni della Asl di Frosinone) ha dato indicazioni alle direzioni sanitarie degli ospedali di Frosinone, Cassino, Sora e Alatri di provvedere alla... riapertura. Con tutte le precauzioni del caso naturalmente. Per quanto riguarda il Fabrizio Spaziani di Frosinone (Covid hospital e hub di riferimento), la riapertura a parenti e familiari è prossima. Probabilmente tra oggi e domani. Gli ingressi saranno scaglionati e con un limite temporale e tutti quelli che vorranno andare a trovare i familiari ricoverati dovranno compilare un questionario, misurare la temperatura corporea, indossare la mascherina e igienizzare le mani.

Una procedura che richiederà uno sforzo organizzativo importante. Inoltre, è anche chiaro che ci saranno delle notevoli differenziazioni a seconda dei reparti ai quali si dovrà accedere. In ogni caso dopo 135 giorni si riapre alla possibilità di visita ai parenti ricoverati. Va comunque detto che l'Azienda Sanitaria attivò immediatamente delle linee telefoniche appositamente dedicate per tutti i familiari che avevano necessità di chiedere notizie sui loro cari ricoverati.