Si finge dipendente delle Poste e truffa una giovane verolana. Riesce a frasi accreditare sulla sua postepay la somma di 1.700 euro. Scoperto e denunciato dai carabinieri della stazione di Veroli coordinati dal comandante Giovanni Franzese. A finire nei guai un quarantatreenne napoletano, di Torre del Greco. L'uomo deve rispondere dell'accusa di frode informatica. I fatti si sono verificati il 13 febbraio scorso.

La ricostruzione
Stando alle accuse il campano, cinque mesi, si è finto un dipendente delle Poste e ha effettuato una telefonata sull'utenza della verolana, una venticinquenne, alla quale ha richiesto i dati della postepay per poi sottrarle la somma di circa 1.700 euro. Soldi che poi sempre stando alle accuse, ha accreditato sulla propria postepay. Lunedì il personale del locale comando stazione carabinieri di Veroli, a conclusione di una specifica attività investigativa, scaturita dalla querela presentata dalla giovane, ha denunciato all'autorità giudiziaria un quarantatreenne di Torre del Greco (Napoli), già noto per reati analoghi. L'accusa per lui è di frode informatica.