Non ce l'ha fatta a sopravvivere alle ferite riportate nello schianto avvenuto sulla strada che collega Monteroduni alla Venafrana. Lorenzo Gliottone, 20 anni, neo diplomato all'IIS San Benedetto (Alberghiero) di Cassino, è morto sul colpo nell'incidente avvenuto l'altra sera, poco prima delle 21. Una notizia che ha scioccato tutti: familiari, amici e i tanti compagni dell'Alberghiero di Cassino che con lui hanno condiviso sogni e progetti. L'emozione della maturità e la speranza di poter realizzare tutti quelli nel cassetto. Invece lunedì sera il destino ha scelto diversamente.
Le ipotesi
L'incidente è avvenuto lunedì tra le 20.30 e le 21.
Lo studente di Cassino, originario del Comune molisano, viaggiava con un amico su una Bmw Serie 1. Forse stava facendo proprio ritorno a casa. Improvvisamente ha perso il controllo della sua auto e, in base a una prima ricostruzione dei fatti affidata ai militari di Monteroduni (della Compagnia di Venafro), sarebbe finito prima contro il muro di recinzione di un'abitazione. Dopo l'impatto l'auto ha iniziato a carambolare, coinvolgendo un'altra auto, con tre ragazzi, tutti illesi.

Non grave (dai primi accertamenti) neanche l'amico di Lorenzo, trasportato subito in ospedale. Per il ventenne, purtroppo, non c'è stato nulla da fare. I soccorritori hanno tentato il tutto per tutto. Ma le ferite riportate nell'impatto sono state fatali. Saranno i militari della Compagnia di Venafro, che hanno eseguito gli accertamenti, a dover ricostruire la dinamica: la strada è rimasta a lungo bloccata. Intanto ieri è stata disposta l'autopsia sul corpo del ragazzo per escludere un malore fatale.

L'emozione e il ricordo
Fortissimo lo choc che la notizia della morte di Lorenzo ha causato nei tanti amici e compagni di scuola. Ma anche nei professori. Tutti stavano attendendo una sua serata libera per poter mangiare insieme la cosiddetta pizza di fine anno, che con la maturità era slittata ulteriormente. Tanti i messaggi di cordoglio e di profonda commozione rimbalzati tra i gruppi social. Quando saranno fissati i funerali, la scuola con uno stendardo di rappresentanza e i giovani studenti di Cassino saranno a Monteroduni per omaggiare quel ragazzo pieno di vita e di sogni. «Una notizia terribile, che ci ha lasciato senza fiato. Un dolore che difficilmente può essere descritto. Solo un mese fa Lorenzo stava festeggiando come tutti i suoi amici la maturità superata - ha dichiarato la dirigente dell'IIS San Benedetto, Maria Venuti - Incredibile che un destino tanto amaro abbia spezzato tutti i suoi sogni. Lorenzo, come tutti i ragazzi che frequentano il nostro indirizzo "sala e vendita", ha sempre dimostrato una vera e propria propensione a intrattenere rapporti interpersonali.

Sono ragazzi che conoscono il proprio futuro perché sono già consapevoli del lavoro che andranno a svolgere. E come Lorenzo, sono più maturi rispetto alla loro età. Questo faceva di Lorenzo e degli studenti di quell'indirizzo dei "piccoli uomini". Come tutti gli studenti dell'Alberghiero, poi, partecipava attivamente agli eventi. E il suo gruppo era molto impegnato». «Non riesco neppure a immaginare il dolore della madre e della famiglia - ha aggiunto - Il mio unico desiderio ora è quello di poter essere vicini (per ciò che è possibile) proprio ai genitori. E questo è l'impegno che chiedo agli studenti ora. Saremo presenti ai funerali e cercheremo di far sentire alla famiglia la nostra presenza perché non ci sono parole adeguate ad esprimere ciò che sentiamo. La scuola è presente».