Resta alta l'attenzione sul Liri. Dall'Abruzzo si stanno compiendo passi avanti per risalire a chi, come e quando inquina il fiume. In molti hanno puntato il dito contro il bacino del Fucino. L'Arpa, anche su sollecitazione dei membri del "Contratto di fiume", tra cui le associazioni e i sindaci della Marsica, è al lavoro per monitorare maggiormente il tratto del Liri e dare un quadro sempre aggiornato della situazione. Seguono la vicenda anche le forze dell'ordine.

A tenere alta la guardia è anche il consigliere regionale Loreto Marcelli, ilquale vuolesapere che cosa succede in Abruzzo. Oggi, intanto, si terrà l'incontro tra i dirigenti della bonifica del Fucino e Stefania Ruffo, commissario dei consorzi di bonifica della Provincia di Frosinone.

Anche gli agricoltori vogliono risposte certe all'indomani della notizia delle analisi dell'Arpa Lazio, che non hanno tranquillizzato la popolazione, data la presenza di metalli nel fiume. La preoccupazione si fa sentire e viaggia sui social con commenti al vetriolo. Intanto sono state effettuati nuovi prelievi dall'Arpa a Isola del Liri e Sora.