Il ritorno dei giornali nei bar, dopo le restrizioni imposte dalle linee guida delle norme Anti-Covid, viene salutato con soddisfazione da Confimprese Italia. Secondo una ricerca realizzata dal Centro Studi dell'associazione i clienti dei bar, dei pubblici esercizi, di barberie e parrucchiere trovano particolarmente gradevole la possibilità di informarsi sfogliando quotidiani e riviste. In particolare il 74% degli intervistati ha rivelato di scegliere il locale dove fare colazione abitualmente tra quelli nei quali è facile trovare il quotidiano preferito.

Particolarmente importante per gli esercenti il tempo medio di permanenza nel locale del cliente. Tempo che sale fino al 27% in più quando c'è possibilità di dedicarsi alla lettura di uno o più quotidiani. La maggiore permanenza determina anche maggiori consumi. Misurati in una forbice tra il 15 e il 25% tra i fruitori della lettura quotidiana. La presenza dei quotidiani favorisce la consumazione al tavolo. Il 37% degli intervistati ha infatti sostenuto che, nei bar, senza la possibilità di potersi dedicarsi per qualche minuto all'informazione sceglie una veloce consumazione al banco.

La lettura dei quotidiani è più apprezzata nei piccoli centri e nelle città fino a 150.000 abitanti. Qui il gradimento dei consumatori rispetto alla possibilità di trovare uno o più quotidiani sale di oltre il 15% rispetto alle grandi città italiane. Insomma i quotidiani, oltre a tutta una dose di notizie di qualità, verificate e immesse con responsabilità nel circuito dell'informazione, si apprestano, con il loro ritorno nei bar, dal barbiere e dai parrucchieri a portare un contributo, in positivo, agli affari di tanti operatori economici in tutta Italia.