Stabile di via Agnone Maggiore inagibile: dieci famiglie fuori di casa. Il sindaco Roberto De Donatis ha firmato l'ordinanza di inagibilità dell'edificio e il conseguente sgombero dello stesso per la tutela della pubblica e privata incolumità.

Una vera e propria doccia gelata per le famiglie residenti nello stabile che non sospettavano di abitare in un edificio potenzialmente non sicuro, dato che, come si legge dalla relazione tecnica, per il fabbricato non risulta depositato il certificato di collaudo strutturale e non risulta rilasciato il certificato di agibilità.

Nel documento pubblicato sull'albo pretorio del Comune si parla di "inagibilità totale dell'immobile sito in Sora, in via Agnone Maggiore, inibendone l'utilizzo per i proprietari, per gli occupanti a qualunque titolo, nonché per chiunque vi possa accedere, sino al perdurare delle condizioni rilevate".

Nell'ordinanza il primo cittadino dispone "il non utilizzo di tutte le unità immobiliari, dei locali a qualsiasi scopo destinati, delle pertinenze interne e/o esterne di detto fabbricato, sia ai proprietari che a chiunque, a qualsiasi titolo, occupi l'edificio in questione".
È stato inoltre disposto che "i proprietari e/o gli aventi causa, adottino tutti gli accorgimenti per impedire l'ingresso al fabbricato nonché l'accesso alle relative aree pertinenziali".