Toni accesi sulla futura pedonalizzazione del centro storico e del corso Volsci, che però non c'è.
Infatti, anche se fu il consiglio comunale all'umanità a votare favorevolmente l'idea del consigliere Luca Di Stefano, il corso Volsci resta sempre aperto, a differenza dei mesi estivi degli scorsi anni che vedevano alle 20 la chiusura del centrale rettilineo.

Sono ormai lontani gli incontri nel palazzo comunale tra amministratori ed esercenti commerciali per ragionare insieme su che tipo di strada intraprendere per la ripartenza. Quello che si evince è che le attività di somministrazione si sono allargate, ovviamente quelle che hanno presentato la documentazione, occupando il suolo pubblico davanti alla propria attività.

Il colpo d'occhio non è male e la clientela, ma anche i cittadini, stanno apprezzando di vedere un movimento in città che mancava da tempo. Sulla pedonalizzazione però l'unico che continua ad attivarsi è il presidente del comitato Sora Sud, impegnato a stilare in questi prossimi mesi un piano con tecnici e cittadini, capace di armonizzare le varie sensibilità.

A restare indignata circa le scelte che si stanno adottando è Francesca Leonetti: «Dopo l'ennesimo episodio che ha visto penalizzato un commerciante del centro, che ha la propria attività su Lungoliri nell'area del mercato settimanale, mi sento in dovere di esprimere la mia solidarietà, a titolo personale e come presidente della "Rete d'Impresa Siamo Sora", a tutte le attività che, oltre alla situazione economica contingente estremamente penalizzante, subiscono ulteriori svantaggi a causa di scelte sbagliate, a partire dalla riorganizzazione del mercato mai avvenuta».

La Leonetti, oltre che a parlare della difficoltà di alcuni titolari di attività che hanno inspiegabilmente le vetrine e le entrate dei negozi nascoste dalle bancarelle del giovedì mattina, continua con commenti al vetriolo e punta il dito contro l'amministrazione De Donatis: «Inoltre, non da meno, è il tentativo di rendere i commercianti del centro come delle "cavie" della sperimentazione dell'isola pedonale permanente, non tralasciando anche le annunciate misure anti-covid sempre per il mercato settimanale, di cui non se ne vede traccia», ha concluso.