Il sindaco Enzo Salera, accompagnato dal consigliere comunale Riccardo Consales (già assessore all'ambiente e "padre" della raccolta differenziata in città), nella giornata di giovedì si è recato a Roma per un incontro in Regione con la dirigente Tosini, per affrontare due temi relativi all'ambiente: la bonifica delle discariche e la centralina dell'Arpa. Quest'ultima doveva essere spostata già in primavera per permettere l'installazione della statua del generale Anders nel mese di maggio. Ma l'emergenza Covid ha bloccato tutto e la cerimonia si terrà nel mese di maggio del 2021.

Il sindaco ha ottenuto rassicurazioni dalla Regione che entro al fine del 2020 la centralina verrà spostata: attualmente è ubicata in Largo Dante. La nuova location è poco distante (circa 30 metri). Resterà, dunque, sempre nel centro per meglio rilevare le polveri. Quindi, da gennaio, Largo Dante sarà libero dalla centralina e si potrà preparare la cerimonia per il mese di maggio con il percorso turistico che dal centro della città, ovvero proprio da dove verrà situata la statua del generale Anders, porterà i turisti fino a Montecassino.

Ambiente sotto la lente
Poi si è discusso delle bonifiche dei vari siti ambientali: è stata fatta una panoramica generale sugli interventi da realizzare. Si entrerà nello specifico nei prossimi due incontri: mercoledì si parlerà del sito ex Marini e giovedì prossimo, 30 luglio, verrà invece affrontata la questione relativa al Nocione. L'amministrazione comunale aveva già palesato (prima dell'emergenza sanitaria) la volontà di intervenire sulle "bombe ambientali" presenti in città e su tutto il territorio: proprio per questo proprio il sindaco di Cassino, Enzo Salera, aveva inviato una missiva al ministro Costa insieme al primo cittadino di Sant'Elia Fiumerapido, Roberto Angelosanto, proprio sulle "bombe ambientali".

Sanità e bilancio
A scaldare il clima politico è però sempre il tema della sanità e le opposizioni affilano le armi in vista del consiglio comunale straordinario del prossimo 27 luglio. L'assise cittadina si riunisce anche questa mattina ma all'ordine del giorno c'è, però, un unico punto: quello del bilancio. La seduta prenderà il via alle ore 10 ed è chiamata ad esprimersi sul Consuntivo del 2019, mentre è stato già approvato lo scorso mese di giugno il previsionale 2020 e la prossima settimana andranno in pubblicazione i bandi per procedere con le assunzioni: ne sono previste 16, di cui 6 vigili urbani. E dopo la pausa estiva entrerà nel vivo anche la macchina dei lavori pubblici.

Il sindaco Enzo Salera nella giornata di ieri ha incontrato l'architetto Giacomo Bianchi per mettere a punto il progetto di riqualificazione di piazza Labriola e piazza Diamare. Si stanno trovando le coperture perché il primo progetto presentato è risultato troppo esoso per le tasche dell'Ente che si sta attivando anche con la Regione chiedendo appositi finanziamenti.
Le due piazze saranno collegate tra loro in maniera armoniosa e moderna con ampio spazio al verde pubblico, connuovi impianti di illuminazione e giochi di luce.

Il piazzale davanti alla chiesa di Sant'Antonio, ora allargato dopo aver eliminato l'aiuola, dovrebbe invece vedere la pavimentazione con i sanpietrini prodotti a Roccasecca e tale piazza rientrerà nel progetto dell'isola pedonale permanente. Per questo si accelera anche sull'urbanistica e sul piano del traffico e, sempre con l'architetto Bianchi, si lavora al progetto del museo della guerra da far sorgere all'interno dell'ex Onmi. Già prima dell'autunno, invece - verosimilmente entro il prossimo mese di agosto - verrà realizzato il progetto della pista ciclabile che collegherà l'attuale tracciato di via Madonna di Loreto con il centro urbano, la stazione cittadina e il Campus della Folcara.