Torna la scia bianca sulle acque del fiume Liri.
Nuova moria di pesci segnalata presso la diga di Valfrancesca. «Sono stati effettuati oggi (ieri, ndr) pomeriggio prelievi dell'Arpa - ha dichiarato il comandante della polizia locale Paolo Rossi - Questa mattina sul posto c'eravamo noi e i carabinieri forestali, per moria di pesci segnalata dalla Conca di Sora».

Dubbi in città anche dopo le immagini dal vicino Abruzzo che riportano a un possibile rischio inquinamento. Associazioni e autorità sono in prima linea per sapere la verità.

«La situazione del fiume Liri è preoccupante».
Il consigliere regionale e vice presidente della Commissione sanità, Loreto Marcelli lancia nuovamente l'allarme per le condizioni del fiume Liri nel tratto in cui attraversa la città di Sora. «Non è accettabile che si verifichino ancora episodi che possano compromettere la salute dei cittadini e l'ambiente e per questo mi sono mobilitato e ho chiesto ragguagli al direttore del Consorzio "Conca di Sora e "A SuddiAnagni", Aurelio Tagliaboschi che, preso atto della situazione e in via precauzionale ha sospeso il servizio di irrigazione delle coltivazioni  - ha detto il consigliere regionale Loreto Marcelli che da anni attenziona il fiume Liri.

Il sindaco di Sora non resta a guardare: «Sono stato informato dall'ingegnere della Conca di questo ennesimo episodio di inquinamento di schiume.
Ho sentito nei giorni scorsi, ancor prima della situazione registrata oggi (ieri, ndr) i competenti uffici di Arpa Lazio e sto indirizzando una nota per acquisire tutte le relazioni di quelle che sono le attività in corso  - ha continuato De Donatis - Faccio presente che su questa situazione ho da tempo attivato importanti rapporti con la Conca del Fucino, anche dopo gli ultimi episodi verificatesi: l'origine di questo inquinamento, di queste immissioni nel corpo idrico di sostanze inquinanti, pare avere, anche da quello che dichiarano gli altri sindaci dei comuni più a monte di Sora, cioè quelli della Marsica, un'origine ben precisa su cui bisogna attivare un'azione sinergica con la Regione Abruzzo», ha concluso il sindaco che si è detto pronto a voler approfondire il caso, chiedendo di analizzare le acque del fiume dall'Abruzzo fino alla sua città.