Era stato accusato di adescamento di minore e nonostante la querela ritirata dal ragazzo nell'immediatezza, in aula ci è finito ugualmente.
Dopo una discussione con rito abbreviato, difeso dall'avvocato Giancarlo Corsetti, un amministratore del Cassinate è stato assolto "perché il fatto non è previsto dalla legge come reato".

Una storia che risale al 2019: un minore (maggiore di 16 anni) ha presentato una denuncia, ritirata subito dopo. Però il reato era procedibile d'ufficio. E il suo iter è andato avanti fino a ieri: il giovane ieri non si è costituito neppure parte civile. L'amministratore è stato assolto con formula piena.