Rivoluzione al settore manutenzione del Comune: entro mercoledì 30 giugno verranno riconsegnati alla società proprietaria il capannone, i locali e l'intera area di via Pescarola utilizzata in questi anni dai lavoratori del settore Manutenzioni del Comune. «Per via dei pensionamenti (anche anticipati alcuni, per gli effetti della cosiddetta "quota 100") attualmente il numero di dipendenti in quel servizio si è ridotto a 23.

In questi giorni - si legge in una nota diffusa dal Comune - è in corso il trasloco nel "bene confiscato" di via Gaetano Di Biasio, a Casilina nord, adiacente la rotatoria "San Benedetto". Con la risoluzione anticipata del contratto si alleggerirà il bilancio comunale dell'onere di spesa che ammontava a 72.500 euro l'anno l'attuale sistemazione della Manutenzione trova la risposta adeguata alle esigenze, è ottimale dal punto di vista logistico e determina  l'azzeramento della spesa del vecchio fitto».

E sempre a proposito di manutenzione dall'ente spiegano che sono iniziati lavori di adeguamento antincendio nelle scuole cittadine "Pio Di Meo" di via D'Annunzio e nell'adiacente la "Diamare". In precedenza era stato ottenuto il nulla osta dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Frosinone sul progetto relativo alle misure antincendio. Interventi saranno operati sui quadri elettrici e verranno impiantati nei punti strategici degli edifici rilevatori di fumo, più altri accorgimenti dettati dalle norme di sicurezza.
Su tutto il perimetro degli edifici, sia della "Pio Di Meo" che della "Diamare", verranno posizionati nuovi canali di gronda per il defluire dell'acqua piovana e per evitare possibili infiltrazioni di acqua. Riguardo al taglio dell'erba, esso è stato effettuato nella giornata di venerdì scorso in previsione dei lavori».

C'è anche il servizio civile
Altra comunicazione che giunge dal Comune riguarda invece il servizio civile: questa mattina alle 9 prenderanno servizio i 40 giovani. Saranno impegnati in 5 diversi progetti: "Comunità attiva", 8 volontari, con attività dedicate a persone anziane o con disabilità; "Comunità che cresce", 10 volontari, con attività educative di strada o domiciliari; "Memoria 2", 8 volontari, con attività di valorizzazione del patrimonio storico della città; "Restiamo verdi", 8 volontari, con attività di valorizzazione del patrimonio ambientale e naturalistico della città; "Sportello Pago P.A.", 6 volontari, con attività di assistenza al cittadino neo rapporti con la pubblica amministrazione. 
«Riparte un'esperienza che ha un grande valore per giovani che potranno sperimentarsi nell'aiutare concretamente altri cittadini, in alcuni casi più fragili», dice l'assessore Luigi Maccaro.

Durante le prime settimane i volontari saranno impegnati in una formazione legata in parte agli obiettivi del progetto nel quale sono inseriti e in parte alle disposizioni anti-contagio per il Covid-19.
Anche il personale del Comune dovrà abituarsi alla presenza di nuovi collaboratori ai quali dovranno trasferire conoscenze e competenze.