Voleva acquistare della sostanza stupefacente, ma non aveva denaro a disposizione e così ha avuto la "brillante idea" di chiederlo alla madre, la quale, essendosi rifiutata, è stata poi minacciata con un coltello, impugnato dallo stesso figlio. L'ennesima vicenda legata alla droga, si è verificata all'interno di un nucleo familiare di Scauri, del quale fa parte il diciannovenne, il quale si è reso protagonista del caso, conclusosi con una denuncia da parte dei carabinieri.

Il fatto si è verificato nella mattinata di ieri quando un giovane ha chiesto del denaro liquido alla madre, che si è rifiutata. Il giovane, che voleva a tutti i costi procurarsi la "roba", colto da un raptus, ha afferrato un coltello da cucina e si è scagliato contro la madre, minacciandola. Una reazione ingiustificata e pericolosa, che veniva bloccata dall'immediato intervento dei carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Formia, i quali erano stati avvertiti subito dopo i primi contrasti.

I militari, coordinati dal maggiore David Pirrera, proprio grazie al loro tempestivo intervento hanno fatto desistere il diciannovenne dall'insano gesto. Proprio l'arrivo immediato degli uomini dell'Arma ha evitato che la situazione degenerasse ulteriormente, con conseguenze immaginabili. Dopo aver accertato lo svolgimento dei fatti, i carabinieri del Norm della Compagnia di Formia hanno denunciato il ragazzo in stato di libertà, per i reati di minacce aggravate e tentata estorsione.

Accuse pesanti da cui il protagonista della vicenda dovrà difendersi davanti ai giudici del tribunale di Cassino. Il giovane denunciato non era proprio sconosciuto alle forze dell'ordine, ma la denuncia di ieri, purtroppo, conferma una situazione particolare, dalla quale il ragazzo deve cercare di uscire, magari con il necessario sostegno. Scagliarsi contro una mamma per avere dei soldi, da utilizzare per l'acquisto di sostanze stupefacenti, denota una condizione che non può essere ignorata.

Una storia simile a molte altre e purtroppo legate alla tossicodipendenza, fenomeno che, nel Comune di Minturno non è per nulla da ignorare. I recenti blitz che sono stati compiuti negli ultimi tempi, confermano questa brutta abitudine e il giro di affari che ruota intorno a questo traffico. Purtroppo sul territorio minturnese "operano" diversi spacciatori, i quali hanno messo su un commercio collaudato. Per le forze dell'ordine, che conoscono i mercanti della droga, il compito di arrestarli non è per nulla facile, in quanto debbono pizzicare in flagrante gli autori dello spaccio di droga.