Un'app che, come dice la parola stessa, "Collega" due professionisti. Ideata da un avvocato frusinate, Mirko Persichilli, l'applicazione che intende facilitare lo svolgimento dell'attività legale, mettendo in contatto due avvocati, ora si estende e punta sul crowdfunding (https://www.opstart.it/progetto/collega/). «Siamo partiti il 15 pomeriggio - spiega Persichilli - e abbiamo raccolto 65.000 euro nelle prime dieci ore della campagna. Seguiranno un piano pubblicitario e incontri con studi internazionali che potrebbero essere interessati». Intanto, la raccolta ieri sera è arrivata a 96.150 euro. «Vogliamo concentrarci non solo sul crowdfunding ma anche sull'app che conta già diecimila iscritti con circa 40.000 accessi mensili e oltre 500.000 accessi nel 2019».

Come nasce il progetto?
«Nasce a luglio 2016. Tra qualche giorno avremo la nuova versione. Copriamo tutti i tribunali. L'app nasce per trovare un sostituto d'udienza, un domiciliatario per compiere attività in tutta Italia. Io li metto in contatto. Il punto di forza è che non do un elenco di persone che stanno a Milano - quelle le trovi su internet - ma tu dici cosa, dove e quando ti serve e io cerco gli avvocati che stanno in quel posto e che si rendono disponibili. Dall'altra parte si riceve un elenco di avvocati, poi si sceglie quello che può fare al caso sulla base dell'esperienza, della materia e gli si assegna l'incarico. Il pagamento è regolato al di fuori dell'app».

Dallo scorso anno Persichilli non è più solo in questo progetto.
«Ci siamo uniti con la Cesynt advanced solutions che darà anche un'offerta formativa. Obiettivo futuro, anche attraverso la campagna di raccolta fondi, è estendere il progetto agli altri professionisti, architetti, ingegneri, medici, affinché ci possa essere una collaborazione. L'idea è creare rete ed estendere l'applicazione al di fuori dell'Italia».