Due defibrillatori al servizio delle piazze di Arce e di Isoletta grazie all'associazione "ViviAmo Arce" e alla generosità delle contrade del paese. I dispositivi di protezione sono stati consegnati nelle mani del sindaco Luigi Germani venerdì scorso durante la seduta del consiglio comunale. Alla cerimonia erano presenti, oltre ai consiglieri comunali, il referente dell'associazione culturale Maurizio Marzilli, il consigliere nazionale delle Misericordie d'Italia Angela Caprio, il governatore della Misericordia di Roccasecca Giovanna Frezza e il direttore sanitario della confraternita Ivano Reale.

Il progetto di donare alla collettività i due defibrillatori è nato all'indomani della kermesse denominata "Il Gonfalone del gusto". La manifestazione di promozione dei prodotti del territorio che si è svolta ad ottobre scorso ha visto le quindici contrade di Arce sfidarsi sullaproduzione del miglior olio di oliva, del miglior vino e del miglior piatto tipico. Gli introiti ricavati dagli assaggi sono stati devoluti all'iniziativa di beneficienza che poi, dopo alcuni incontri tra gli organizzatori, i contradaioli e l'assessorato comunale alla cultura, si è concretizzata con l'acquisto delle due apparecchiature. 

Importante la collaborazione della Misericordia di Roccasecca che, oltre a reperire gli apparecchi a un prezzo speciale, offrirà tramite la sua equipe medica dei corsi di formazione per i cittadini arcesi affinché possano utilizzare correttamente i defibrillatori.
«Siamo soddisfatti - ha detto il referente di "ViviAmo Arce" Maurizio Marzilli - di esser riusciti con la collaborazione di tutti a portare a termine questo progetto. Ringrazio le contrade, i cittadini, la Misericordia e il Comune di Arce per la collaborazione offerta».

«L'associazione "ViviAmo Arce" - ha detto l'assessore alla Cultura Sara Petrucci - è riuscita ancora una volta a mettere insieme diverse componenti di successo attorno a un evento. Speriamo di poter ripetere il successo dell'iniziativa anche quest'anno. Per quanto ci riguarda daremo il nostro massimo sostegno». «È fondamentale fare un buon uso di questi strumenti - ha aggiunto il consigliere nazionale della Misericordia Angela Caprio -. Bisogna cogliere l'opportunità dei corsi di formazione che proporremo nei prossimi mesi.
Un utilizzo corretto e consapevole può salvare la vita a tante persone». Soddisfazione per la donazione dei dispositivi è stata espressa anche dai consiglieri d'opposizione. Luana Sofia ha ricordato che "ViviAmo Arce" non è nuova a queste iniziative.