Un colpo veloce. Magari programmato senza tanta preoccupazione. Entrare in una delle villette immerse nel verde della zona Fontana Merola all'alba, trafugare solo gli oggetti di valore a portata di mano e fuggire. Soldi facili e soprattutto sicuri. Ma nessuno dei due ha calcolato che alle 5.30 la proprietaria era già sveglia, in cucina a preparare il caffè. E la situazione è sfuggita di mano.

Uno dei due balordi, infatti, quando ha sentito i rumori all'interno della casa ha avuto solo il tempo di nascondersi sotto a un tavolino in veranda: quando la proprietaria ha aperto la porta per capire cosa stesse accadendo non ha visto nessuno ad altezza uomo. Soltanto una sensazione improvvisa di bruciore alla gamba. Poi le urla: il rapinatore, che aveva afferrato un coltellino probabilmente trovato proprio in veranda, l'ha colpita alla gamba per guadagnarsi la fuga e si è allontanato insieme al complice. Una manciata di minuti che hanno fatto salire l'allerta e fatto ripiombare Pontecorvo nell'incubo delle rapine in villa. Il marito, un uomo di 76 anni, buttato giù dal letto dalle urla, non è riuscito a vedere i due uomini con mascherine anti-Covid mentre si allontanavano.

E ha chiamato i carabinieri. Immediato l'arrivo dei militari della Compagnia di Pontecovo - guidati dal capitano Nicolai e dal tenente Fava - che hanno subito effettuato un'ispezione repertando quante più tracce possibili. E dando vita alla caccia all'uomo. Ogni elemento servirà a mettere le mani sui colpevoli. La donna, invece, è stata trasportata in ospedale dove si è reso necessario suturarle la ferita.

«Ho immediatamente contattato la famiglia per sapere le condizioni della signora, per esprimere tutta la mia vicinanza e la solidarietà dell'amministrazione» ha commentato il primo cittadino Rotondo che con molta probabilità già oggi farà visita alla famiglia.
«Faccio appello a tutta la cittadinanza: segnalate ai carabinieri con prontezza ogni movimento sospetto, ogni elemento diverso dal solito. Non abbiate timore, sarà l'Arma poi a effettuare tutti gli accertamenti necessari».