Weekend movimentato nel Cassinate, con una banda di ladri ancora a caccia di soldi, oro e hi-tech. Ma alle prese con una crisi amplificata dall'emergenza Covid che lascia pure loro con la bocca asciutta e le tasche vuote.

Le segnalazioni social nel weekend non sono mancate e domenica, nella frazione di Acqua candida e nella zona Pantano e via Lepudro a Cervaro il tam tam dei gruppi WhatsApp è divenuto frenetico per un'auto sospetta a bordo della quale c'era sì una banda di ladri.
Ma di ladri non proprio fortunati.

Due i colpi progettati: uno solo tentato, forse per l'arrivo immediato dei militari. L'altro invece messo a segno ma davvero insoddisfacente: una volta all'interno dell'abitazione, i malviventi sono riusciti a portare via solo poche decine di euro e qualche monile, neppure di grosso valore economico. Di certo dall'altissimo valore affettivo per i proprietari che al momento del raid non erano per fortuna in casa.

Ironia a parte, gli uomini del capitano Mastromanno sono sulle tracce dei delinquenti che a più riprese continuano a "fare visita" all'intera zona che collega Cervaro e i Comuni contigui. Qualche giorno prima, il colpo al tabacchi in piazza, con un bottino da circa 2.000 euro, tra valori bollati e denaro in cassa (poche centinaia di euro). Proprio mentre i militari della locale stazione stavano ultimando gli accertamenti, è giunta la segnalazione di un'auto sospetta: una Bmw di colore scuro. Poi un'altra, in una zona differente. Stessa auto.
Proprio quella notata nelle scorse settimane, sempre a Cervaro, in concomitanza con colpi compiuti o anche solo sventati. E sono partiti ulteriori controlli