Sono attualmente ricercati i tre albanesi Erald Deliu 34 anni, Albi Aliu 31 anni e Alfred Cela 38 anni, all'epoca dei fatti residenti rispettivamente i primi due a Ferentino e il terzo a Roma. Sono finiti nell'operazione "Amnèsia" che all'alba di mercoledì ha portato all'esecuzione, da parte dei carabinieri coordinati dal colonnello Fabio Cagnazzo, di 23 misure cautelari personali nei confronti di altrettanti indagati. Intanto oggi al via gli interrogatori per quanti sono in carcere, mentre da lunedì prossimo toccherà a chi è ai domiciliari o è sottoposto ai vari divieti di dimora.

Del collegio difensivo fanno parte gli avvocati Emanuele Carbone, Antonio Ceccani, Tony Ceccarelli, Marco Maietta, Maria Grazia Turriziani e Giampiero Vellucci.
L'incipit dell'operazione "Amnèsia", dal nome di una droga è partito dalla denuncia per usura da parte di un imprenditore di Pofi, Gabriele Cioci, aimilitari di una stazione del circondario. I carabinieri hanno subito interessato i colleghi del Norm della compagnia trattandosi di un reato molto grave. Le rivelazioni del trentenne non hanno però convinto i militari.

Nella ricostruzione della vicenda esposta, hanno evidenziato, infatti, alcune incongruenze che, contestate al denunciante, lo hanno convinto ad ammettere ben altra verità. L'imprenditore ha, infatti, confessato di essere coinvolto in un giro di spaccio di sostanze stupefacenti che interessava le province di Frosinone, Napoli e Roma. Le successive indagini tecniche insieme a numerosi riscontri sulle attività di spaccio hanno consentito di individuare una fiorente e diffusa attività criminale.

La droga acquistata, anche in quantitativi dell'ordine di chilogrammi, veniva confezionata in singole dosi per essere ceduta ai numerosi assuntori, per un giro d'affari stimato complessivamente di oltre 300.000 euro e un volume di stupefacente movimentato di circa 25 chilogrammi. Nel corso delle indagini, oltre alle ordinanze eseguite mercoledì, sono state altresì tratte in arresto sette persone in flagranza di reato, cinque persone denunciate, trenta assuntori di stupefacenti segnalati all'autorità amministrativa.

In carcere Luca Lepre, 23 anni, di Ceccano, Altin Prendi 32 anni albanese residente a Frosinone, Christian Roma 24 anni di Arnara, Dik Tafa 23 anni albanese residente a Frosinone e Antonello Zappatore 30 anni residente a Ceccano. Disposti gli arresti domiciliari con l'applicazione del braccialetto elettronico, per Angelo Coppotelli 69 anni di Ferentino, Gessica Fioretti 26anni residente a Castro dei Volsci, Pierluigi Pernasilici 27 anni domiciliato a Castro dei Volsci, Gabriele Cioci 30 anni di Pofi, Mario Moricone 40 anni residente a Casoria, Loris Persichilli 20 anni residente a Ripi, Giuseppe Sardelli 31 anni di Pontecorvo e Haxgire Thomaraj 25 anni residente a Frosinone. Il provvedimento è stato emesso dal gip del tribunale di Frosinone, Ida Logoluso, su richiesta del sostituto procuratore Vittorio Misiti e del procuratore reggente Adolfo Coletta.