L'emergenza sanitaria che ha bloccato l'Italia e, di conseguenza, la città, ha creato non pochi disagi.
Tra questi sembra essere saltata anche la procedura di disinfestazione che solitamente era programmata proprio in primavera.

Così pare che molte zone della città, soprattutto quelle in prossimità delle aree verdi e dei corsi fluviali o accanto alle sorgenti, ci sia una vera e propria invasione di zanzare. Unita a una presenza abbondantissima di zecche, questa dovuta all'inverno mite che ne ha impedito il congelamento e ha permesso quindi la proliferazione con l'arrivo del caldo, sembra aver generato una vera e propria emergenza.

Così i cittadini e i padroni degli amici a quattro zampe chiedono a gran voce un intervento per porre rimedio alle due criticità, anche se le tempistiche non sono più corrette per bloccare il fenomeno.
«Ormai le zanzare ci sono e sono tante anche le zecche, forse c'è un metodo o un metodo per poter minimizzare o eliminare i disagi» propone Antonio, proprietario di Jack, un simpatico cocker.