Un gesto semplice, un uomo in pantaloncini e ciabatte che lascia una busta di rifiuti vicino a un cancello di un palazzo. Sembrerebbe proprio un inquilino che sta sbrigando una faccenda come tante, ma non è così. Sono le due circa e dal terzo piano un uomo affacciato al balcone a fumare se ne accorge, lo chiama e gli chiede il perché di quel gesto. Per risposta ha un insulto. Dal terzo piano al cortile il residente ci mette un minuto e scoppia la lite. L'uomo in pantaloncini, infatti, proviene da un altro quartiere limitrofo e ha portato rifiuti indifferenziati da smaltire.

Non è il giorno giusto per la frazione indifferenziata e, sicuramente, non è il palazzo giusto. Così tra i due scoppia un'accesa lite a suon di insulti e parole fuori posto. Una discussione terminata con il lancio del sacchetto incriminato e il proprietario che ha raccolto i suoi rifiuti e se ne è tornato a casa, oltre la strada.