Dopo oltre due mesi di lockdown si ricomincia a viaggiare sulle auto e la criticità lasciata mesi fa è ancora presente, anzi, è peggiorata. Transitare su alcuni tratti della superstrada Sora-Ferentino, all'altezza di Veroli, precisamente tra Castelmassimo e Giglio, diventa spesso una "corsa" ad ostacoli. Una sorta di slalom per evitare asfalto consumato e giunti disconnessi. In bella vista anche l'asfalto danneggiato che necessita di essere sistemato. Nei mesi scorsi gli operai sono intervenuti per la sistemazione, ma con le piogge insistenti dei mesi invernali la criticità si è riproposta. Gli automobilisti rivolgono un nuovo appello agli enti competenti affinché provvedano a sistemare i diversi giunti.

L'appello
«Diversi giunti della superstrada – commentano coloro che ogni giorno percorrono l'arteria - sono rovinati. Le lastre di ferro a copertura si alzano e prima che si stacchino di nuovo sarebbe opportuno intervenire. Sappiamo bene, come anche riportato sui giornali, di automobilisti che si sono ritrovati con le gomme danneggiate, per non parlare del pericolo e del rischio di sbandare. Anche l'asfalto necessita di interventi, in alcuni tratti ci sono avvallamenti. Basta percorrere il tratto soprattutto in direzione Sora per rendersi conto della criticità».

Paura nei mesi scorsi anche tra gli automobilisti che si sono visti arrivare il lungo metallo addosso. Un nuovo appello, perché alcuni giunti soprattutto a Castelmassimo e al Giglio, sono deteriorati.
Una sistemazione sarebbe opportuna, inoltre, all'uscita dello svincolo di Boville Ernica. «Speriamo che il nostro appello venga ascoltato da chi di dovere» - conclude un cittadino che percorre quotidianamente la Sora- Ferentino. Insomma richieste legittime da parte di chi ogni giorno percorre la superstrada e che chiede soltanto interventi per garantire al massimo la sicurezza.