Aveva messo in vendita una cameretta al prezzo di 800 euro sul sito subito.it. Un cinquantunenne fingendosi interessato per l'acquisto, è riuscito a convincerla a portarsi presso un bancomat e, durante la conversazione telefonica con la verolana, si tratta di una ventenne, facendole credere di averle inviato il bonifico per il pagamento della cameretta, è riuscito invece a farsi ricaricare sulla sua postepay la somma di 500 euro. Scoperto e denunciato. A finire nei guai un cinquantunenne di Bologna.

I carabinieri della Stazione di Veroli, a seguito della denuncia presentata a settembre del 2019 dalla verolana, sono riusciti a risalire al truffatore. L'uomo, già censito per analoghi reati, ha realizzato la classica "truffa del bancomat" inducendo in errore con artifizi e raggiri la denunciante che aveva collocato in vendita una cameretta al prezzo di 800 euro sul sito subito.it.
L'uomo, fingendosi interessato per l'acquisto, ha convinto la giovane a raggiungere una postazione bancomat e così è riuscito invece a farsi ricaricare sulla sua postepay il denaro.

In un altro servizio di controllo del territorio, i carabinieri, hanno controllato e identificato un trentottenne di Frosinone, una venticinquenne di Posta Fibreno e un ventisettenne e una ventiseienne di Santopadre, tutti già censiti per reati inerenti stupefacenti. I quattro sono stati fermati dagli uomini dell'Arma vicino a obiettivi sensibili senza un giustificato motivo. Pertanto, ricorrendone i presupposti, è stata inoltrata nei loro confronti la proposta per l'irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio, con divieto di ritorno nel comune di Veroli per tre anni.