L'amministrazione comunale prova a mettere in campo altri aiuti ai commercianti. Dopo la presentazione del portale "Cassino Shop", sempre nella giornata di ieri in commissione bilancio è stato deciso anche di posticipare la rata della Tari (ovvero l'imposta sui rifiuti) e di valutare, qualora dal Governo vengano stanziati appositi finanziamenti, la sospensione dei tributi per l'anno 2020. Del provvedimento si discuterà in modo più approfondito durante il Consiglio di oggi.

Il presidente della commissione bilancio Edilio Terranova però mette in guardia: «Al momento, non è possibile togliere le tasse di qualsiasi tipo esse siano, in quanto le stesse servono per far fronte alle esigenze ed ai servizi per la collettività. Chi chiede ciò fa solo chiacchiere a vuoto epenso che in questo modo possa essere solo una presa in giro i commercianti, che di tutto hanno bisogno in questo particolare momento, eccetto prese di posizione irrealizzabili da parte di un qualsiasi comune.

Il nostro operato - spiega Terranova - viene costantemente concordato con le organizzazioni rappresentative di tutte le realtà produttive della città, che hanno manifestato e continuano a manifestare il loro apprezzamento per il nostro comportamento serio e competente e per la vicinanza che stiamodimostrando in tutti i sensi e soprattutto in modo concreto. Pubblicamente, lo abbiamo fatto presente con tutti i mezzi consentiti, visto il periodo di vigilanza sanitaria e nel rispetto del Dpcm a cui siamo tutti sottoposti.

Abbiamo preso un impegno serio e reale per non far pagare sia la tassa sui rifiuti che quella dell'occupazione del suolo pubblico ai commercianti per il periodo in cui hanno avuto l'attività chiusa, tralasciando in buona parte - conclude il presidente della commissione bilancio - il decoro della città».