Fase due? Grande slancio e speranza, nel rigoroso rispetto delle indicazioni nazionali. Ma intanto il sindaco, Benedetto Murro si sente «particolarmente orgoglioso di come la comunità di Pignataro Interamna si sia comportata in questo faticoso periodo di restrizioni. Ordinati, tranquilli, nessun eccesso e totale rispetto delle regole. Pignataro, e continuiamo a fare sempre gli scongiuri, è stato tra i pochi paesi senza contagiati e con pochissimi in regime di quarantena preventiva. Ora siamo a zero contagiati e a zero in quarantena. Riguardo all'uscita di questa fase sono certo che i cittadini continueranno nel loro comportamento attento».

Il 6 maggio c'è stata la riapertura del mercato settimanale come pure del cimitero. Un passaggio cruciale. «E anche in questo caso, l'amministrazione ha messo in campo una serie di controlli e attività da parte dei dipendenti per evitare il rischio di assembramenti e per far rispettare tutte le prescrizioni previste».
Ma ci sono anche i momenti belli e indimenticabili vissuti da tutta la comunità. «Durante il periodo pasquale - ha continuato il primo cittadino - tutta la comunità si è ritrovata nella diretta che l'amministrazione ha fortemente voluto e organizzato con il parroco don Adamo Gizzarelli per la messa solenne di Pasqua. E successivamente, la domenica dopo, per quella che è la nostra festa (ottava di Pasqua).
Tutti gli amministratori si sono messi a disposizione e numerosi sono stati i gesti nobili di cittadini verso le famiglie più in difficoltà». Una macchina della solidarietà mai ferma, gesti di amore continui ma, soprattutto, slancio per la fase due alla luce dei "buoni risultati" della fase uno.