Nella mattinata di oggi, a San Giorgio a Liri, i Carabinieri della locale Stazione hanno denunciato una 43enne residente a Pignataro Interamna per "truffa e falsità materiale commessa dal privato".

L'attività investigativa inizia dalla presentazione di due denunce da parte di un medico veterinario 36enne ed un farmacista 39enne, entrambi residenti nel cassinate. I militari hanno dunque accertato che l'indagata, dal mese di gennaio scorso, mediante falsificazione di 10 prescrizioni mediche a firma del veterinario, si riforniva, presso la farmacia del denunciante, di un medicinale chiamato "Gardinale", rientrante nella categoria dei barbiturici, per il cui acquisto è obbligatoria la prescrizione medica.

I militari hanno appurato che queste prescrizioni erano state riprodotte digitalmente partendo da una vecchia ricetta. Nella mattinata di ieri, al termine dell'indagine, i Carabinieri hanno bloccato la donna presso la farmacia mentre presentava un'ulteriore falsa prescrizione al fine di ottenere il farmaco in questione per i suoi tre cani, razza rottweiler, in quanto insofferenti. Tutte le prescrizioni mediche sono state sottoposte a sequestro e nei confronti della denunciata è stata elevata anche una contravvenzione poiché si trovava in un comune diverso dalla propria residenza senza fornire una plausibile giustificazione, violando le vigenti prescrizioni imposte dal Decreto Legge 25 marzo 2020 nr. 19 - emergenza epidemiologica da Covid-19.