Lettere di licenziamento sotto l’albero di Natale dei 35 ausiliari del traffico. Gli addetti della Tmp, la società campana che gestisce il servizio dei parcheggi a pagamento per la municipalità cassinate, hanno ricevuto la missiva con la quale l’azienda comunica che dal prossimo 22 febbraio, venendo a mancare il rapporto di collaborazione con il Comune di Cassino in quanto scade l’appalto, è costretta a procedere con i licenziamenti.

Una brutta sorpresa sotto l’albero ma non certo una doccia gelata in quanto sin dal mese di giugno, quando la nuova amministrazione si è insediata - raccontano oggi i sindacati - è stata palesata la questione. L’amministrazione in un primo momento aveva ipotizzato di internalizzare il servizio per far sì che ci possa essere un maggiore introito nelle casse del Comune, ovvero una società “in house”.

«Ad oggi però - tuona il sindacalista Arcangelo Longo - ancora non c’è traccia di questa società, non si sa se si farà o se si procederà con un nuovo appalto. Insomma: non c’è nulla di concreto. L’unica cosa certa è il fatto che a partire dal mese di febbraio 35 lavoratori potrebbero ritrovarsi senza più occupazione».

Sul tema sembra decisa ad intervenire anche l’opposizione consiliare chiedendo al Comune spiegazioni su come intende proseguire con il servizio dei parcheggi a pagamento e come mai la società “in house” che era stata ipotizzata anche in campagna elettorale ancora non si vede quando al- la scadenza del bando di affida- mento alla società di Portici Tmp mancano solamente due mesi. I dipendenti dal canto loro non demordono e continuano a lavorare ma non sono escluse proteste nelle prossime settimane quando la scadenza del bando sarà ormai vicina, determinati a difendere il loro posto con le unghie e con i denti.