Erano gli anni del boom economico. Quelli che hanno segnato la svolta del Paese. Quelli durante i quali, anche e soprattutto l’industria informatica italiana, visse un momento meraviglioso. Forse non tutti sanno, soprattutto i giovani di oggi che pure hanno lo smartphone sempre a portata di click, che nel 1965 - quando il sistema Paese evitava la fuga di cervelli e l’emorragia del capitale umano così come invece, purtroppo, avviene oggi - alla Olivetti un gruppo di ingegneri (Perotto, De Sandre e Garziera) inventò e realizzò la programma 101.

Una rivoluzione che portò il computer sulla scrivania di ogni tecnico. Una novità assoluta che cambiò la storia dell’informatica. Una pagina gloriosa della storia del nostro Paese che domani, a partire dalle ore 10 nell'aula “S2.1” di Ingegneria, verrà raccontata dalla viva voce di quei geni che sono ancora oggi l’orgoglio di tutti. Ma quella di domani non sarà una “commemorazione”. O almeno: non solo.

Molinara e Tortorella: «Diciamo ai ragazzi che anche in Italia è possibile tracciare la strada verso futuro»

«L’obiettivo principale del progetto - spiegano i docenti dell'Unicas Molinara e Tortorella - sono i giovani: siamo convinti che sia necessario far incontrare eroi positivi come De Sandre e Garziera, persone che oltre dieci anni prima di Steve Jobs hanno inventato il primo computer da scrivania del mondo, per aiutare i ragazzi di oggi a riscoprire il genio italiano che negli anni del boom economico ci ha portati ad essere una delle eccellenze mondiali nel campo dell’elettronica digitale e dell’informatica, sperando al contempo di instillare in loro la convinzione che anche in Italia è possibile tracciare la strada verso il futuro».

Si tratta del primo dei quattro incontri del progetto "P101@Unicas" ideato in collaborazione con Cloud Provider Seeweb, un' azien da che è da sempre molto vicina agli eventi formativi che coinvolgono le scuole superiori e le università, allo scopo di diffondere la conoscenza di internet e l’importanza del cloud computing. Tutto parte dal Programma 101 della Olivetti, il primo computer a uso personale di massa della storia lanciato nel 1965 dall'azienda italiana Olivetti e progettato dall'ingegnere Pier Giorgio Perotto insieme a Giovanni De Sandre e Gastone Garziera.

Nel novembre 2015, i due professori Molinara e Tortorella, hanno preso i contatti con De Sandre e Garziera realizzando un simulatore del P101, adatto a girare anche su dispositivi mobile. Nell'arco della giornata di domani sarà possibile vedere ed usare una P101 funzionante tra quelle disponibili presso il museo Olivetti di Ivrea “Tecnologi@mente”. «Sia io che Tortorella - conclude Molinara - conoscevamo bene la storia P 101: un’idea rivoluzionaria che ha innescato rapidi cambiamenti che ormai sono radicati nella nostra vita quotidiana».