«Sono dispiaciuto per le assenze, ma soddisfatto per i progressi» le parole di mister Domenico Maliziola dopo l’amichevole persa 2-1 a Sgurgola contro la Vis, squadra militante nel campionato di Prima Categoria. «Ovviamente il risultato – continua l’allenatore rossoblù – conta poco come in occasione della partita pareggiata 1-1 con la Juniores Élite del Morolo, che ha iniziato la preparazione venti giorni prima di noi. Stavolta non ho potuto avere a disposizione titolari come il portiere Salvatore D’Emilio, il difensore Luciano Natalizi e il centrocampista Giovanni Bruni nonché i giovani Valerio Anelli e Valerio Pirri, ma sono molto soddisfatto della condizione dei ragazzi in campo e di come stanno andando avanti le cose. Dobbiamo soltanto continuare a lavorare e crescere a livello fisico. A tal proposito voglio fare i miei complimenti a Diego Ciotoli, che sta portando avanti la preparazione nel migliore dei modi».
Assenti rispetto alla rosa presentata ufficialmente lo scorso 29 agosto anche i portieri Mauro Tiberia e Dante Scarsella, l’esterno Francesco Bianchi, il centrocampista Gianmarco Liburdi e l’attaccante Riccardo Rovelli, ma si è vista qualche new entry che ha portato così a venticinque il numero dei calciatori pronti a lottare su due fronti, campionato e Coppa Lazio: si tratta dell’estremo difensore Alessandro Ciotoli, riportato a Ceccano a distanza di un anno, di Alessandro Pilof, che si è mosso bene sulla corsia di destra, e del giovanissimo Alessandro Carlini, aggregato dalla Juniores alla Prima Squadra. Contro la Vis Sgurgola, hanno agito in difesa Giuseppe Cerroni, Giuseppe Feola e Stefano Farallo, mentre la linea di centrocampo andava da Cristian Recine a Giacomo Ardovini passando per Loreto Ciotoli e Andrea Lombardi, a sostegno della coppia d’attacco formata da Daniele Colafrancesco e Antonio Del Monte.
«Nella prima frazione - spiega Maliziola - la prestazione è stata buona sia in fase difensiva che offensiva, creando molte occasioni, ma il portiere avversario è stato bravissimo e a noi è mancata quella lucidità che in questo periodo è difficile da avere». A trovare il vantaggio e a fissare il risultato sull’uno a zero, invece, è la Vis, ma dopo la classica girandola nella ripresa (in campo per il Ceccano anche Alex Recine, Andrea Pizzuti, Francesco Malizia e Alessandro Carlini), i fabraterni sono riusciti a pareggiare con un tiro da fuori area di Loreto Ciotoli e, prima del 2-1 subito nel finale, non è stata molto fortunata in occasione del palo colpito da Del Monte. Pensiero ormai rivolto all’amichevole di giovedì a Boville, ultimo test prima dell’esordio in Coppa Lazio di domenica 18 con la gara di andata del primo turno. A proposito dell’avversaria, il Città di Sonnino, il trainer ceccanese la definisce «una squadra ben organizzata con tanti giocatori di categoria superiore, ma proveremo a colpire già sul loro campo» e, riguardo al girone N di Seconda Categoria, è sicuro che «saranno in tante le squadre ad ambire alla promozione e sarà un campionato molto combattuto, ma noi vogliamo lottare fino alla fine, perché vogliamo andare in Prima Categoria».
E per farlo il Ceccano ha confermato tanti protagonisti della vittoria dell’anno scorso e ha ringiovanito l’organico, mister Maliziola si sente appagato sia dai nuovi arrivi che dai giovani in rosa, un gruppo che sostiene il peso del blasone e della rinascita del calcio ceccanese e, come tutte le favorite, ha una piacevole condanna: vincere, l’unica cosa che conta.