Un'Italia sempre più spaccata in due. E una provincia, quella Ciociaria, a pieno titolo tra i territori del Sud. L'annuale classifica sulla qualità della vita nelle province italiane del Sole 24 Ore, giunta alla trentesima edizione, vede la conferma in testa di Milano con Caltanissetta ultima. Frosinone, invece, è ottantaquattresima e perde tre posizioni rispetto allo scorso anno. In confronto con il primo anno di uscita dello studio, il 1990, la Ciociaria arretra di diciotto posizioni, che diventano trentatré sulla migliore posizione, la cinquantunesima, raggiunta nel 1999. Magra consolazione il miglioramento di cinque posti dal peggiore piazzamento, l'ottantanovesimo, registrato in due occasioni nel 2000 e nel 2014.

Delle sei categorie di cui si compone la ricerca, il Frusinate peggiora in quattro anche se, dove migliora, fa un bel passo in avanti. La Ciociaria arretra di otto posti in Ambiente e servizi con la posizione numero 105 (solo Benevento e Alessandria fanno peggio), di sedici in Affari e lavoro scivolando all'ottantesimo gradino della graduatoria, di cinque in Cultura e tempo libero per attestarsi su un modestissimo centunesimo posto e di due per Ricchezza e consumi (dalla posizione 68 alla 70). Miglioramenti quasi identici tra Giustizia e sicurezza e Demografia e società. Nel primo caso la crescita si attesta sul più 29, nell'altro a 28.

Dunque per Giustizia e sicurezza Frosinone è trentatreesima, mentre per demografia e società è quarantaseiesima. Nei trent'anni della ricerca del Sole 24 Ore Frosinone al massimo ha toccato il quinto posto per Demografia e società nel 1999 e al minimo la centonovesima posizione per Ambiente e servizi nel 2017. Quanto a Giustizia e sicurezza, a lungo fiore all'occhiello della provincia, Frosinone è stata ottava nel 2005, undicesima nel 2006 e nel 2016, ma è stata anche sessantasettesima nel 2017 e sessantaduesima nel 2018, per cui l'attuale trentatreesimo posto va accolto con favore.

Ricchezza e consumi
In questa prima sottocategoria la Ciociaria svetta per l'11° posto della rata media mensile rimborsata per i finanziamenti, per il 15° in finanziamenti attivi e per il 23° dei canoni medi di locazione. All'opposto si notano il 101° posto per protesti pro capite (nota dolente storica), il 77° dei depositi bancari pro capite e il 79° del prezzo medio di vendita delle case.

Ambiente e servizi
L'ambiente è una delle voci per le quali la Ciociaria viene penalizzata. In negativo troviamo il 102° posto per la raccolta differenziata, i novantesimi per passeggeri del trasporto pubblico e per il pm10. E ancora 89° posto per consumo di farmaci per diabete e 83° per produzione di rifiuti urbani pro capite. E ancora 79° posto per i pediatri, 78° per consumo di farmaci per asma e Bpco (un dato come denunciato dai medici di famiglia per l'ambiente che si ricollega all'inquinamento) e 76° per emigrazione ospedaliera. Le posizioni migliori si fa per dire si hanno con la 47° dell'indice del clima, la 59° per medici di medicina generale e la 64° per capacità di depurazione dell'acqua.

Giustizia e sicurezza
Per il totale dei delitti denunciati il Frusinate è 11°in Italia. Quindi è 24° per le rapine, 25° per i furti in abitazione e per gli incidenti e 35° per i furti di auto.
Male, invece, la giustizia con il 95° posto per l'indice di rotazione delle cause, 79° per durata media delle cause civili, 78° per indice ci litigiosità e 74° per le cause pendenti da oltre tre anni.

Affari e lavoro
Secondo posto per imprese in rete, sesto per quota di export sul pil e undicesimo per tasso di iscrizione nel registro imprese sono il fiore all'occhiello. la Ciociaria arranca con il 104° posto per startup innovative, con il 94° per tasso di disoccupazione giovanile e con il 92° per tasso di disoccupazione. Per la differenza del tasso di occupazione tra uomini e donne il Frusinate è 90°.

Demografia e società
Terzo posto per nuovi iscritti all'Aire (ma con saldo negativo), quarto per famiglie e convivenze e diciannovesimo per famiglie numerose sono i dati positivi. Al contrario va male per aumento della speranza di vita con l'85° posto, speranza di vita alla nascita (76°) e saldo migratorio interno (75°).

Cultura e tempo libero
Altro dato che da sempre penalizza la Ciociaria arriva dalla cultura. E allora 106° per offerta di concerti, 99° posto per la spesa pro capire al botteghino in spettacoli, 93° per indice di sport e natura, 87° per indice di sport e bambini, 85° per le librerie e, per chi parla di turismo, 84° per posti letto delle strutture ricettive. Il Frusinate non fa meglio del 47° posto per ristoranti e bar. A seguire 61° posto per le sale da cinema e 64° per le biblioteche.