Con 236.812 domande di adesione il Lazio è in testa alla classifica delle Regioni per la rottamazione delle cartelle. Davanti alla Campania (190.179) e alla Lombardia (185.599). Poi seguono la Toscana (108.332), la Puglia (101.442), l'Emilia Romagna (84.679). Stanno arrivando le lettere di risposta a chi ha chiesto di aderire alla cosiddetta "rottamazione ter" delle cartelle.
L'Agenzia delle entrate-Riscossione sta inviando a tutti gli interessati la "Comunicazione delle somme dovute", con l'esito della richiesta di adesione e le indicazioni per procedere al pagamento dell'importo, scontato delle sanzioni e degli interessi di mora.  Le prime comunicazioni sono partite nei giorni scorsi ed entro il 30 giugno 2019, come previsto dal decreto legge n. 119/2018, sarà completato l'invio che complessivamente riguarderà quasi 1,4 milioni di domande.

In una nota si legge: «Per il cosiddetto saldo e stralcio, previsto dalla legge di bilancio 2019 e riservato ai contribuenti con Isee sotto i 20.000 euro, la risposta di Agenzia delle entrate-Riscossione alle circa 332.000 domande presentate arriverà invece entro il 31 ottobre 2019». Con la Comunicazione, l'Agenzia informa sull'accoglimento o l'eventuale rigetto della adesione alla rottamazione-ter, su possibili debiti che, per legge, non possono rientrare nella definizione agevolata, sugli importi da pagare e sulle scadenze di versamento. La Comunicazione contiene inoltre i bollettini di pagamento in base alla scelta effettuata in fase di adesione (fino a un massimo di 18 rate). Se il piano di dilazione prevede più di 10 rate, la Comunicazione di giugno conterrà i primi 10 bollettini di pagamento mentre i rimanenti saranno inviati successivamente, prima della scadenza dell'undicesima rata.

Una copia della Comunicazione sarà disponibile, a partire dalla prima settimana di luglio. È fissato al 31 luglio il termine entro il quale l'Agenzia dovrà inviare la Comunicazione delle somme dovute.