Che i cani siano i migliori amici dell'uomo non è un eufemismo. Lo hanno dimostrato le calamità naturali che hanno colpito il nostro Paese negli ultimi anni. A cercare dispersi sotto le macerie di un terremoto o dopo un'alluvione, a salvare vite in mezzo a scenari apocalittici in prima linea ci sono sempre loro, gli angeli a quattro zampe. Cani dal fiuto infallibile addestrati per affiancare l'uomo in situazioni di emergenza. Cani che possono arrivare prima e più facilmente dove l'uomo, da solo, non potrebbe arrivare. Ma cosa succederebbe se a questi eroi a quattro zampe venisse accostata la tecnologia? Forse il loro apporto diventerebbe imbattibile.

È proprio per questo che da qualche anno si sta studiando e sperimentando come applicare al meglio le potenzialità dell'utilizzo dei droni in emergenze e calamità naturali. Una tecnologia, quella dei droni, che si è dimostrata molto efficace nella cinofilia operativa. Immaginiamo che un conduttore cinofilo possa vedere con gli stessi occhi del suo cane: potrebbe guidarlo al meglio.
Questo è ciò che accade con l'utilizzo di droni nella cinofilia. Gli operatori possono vedere, grazie all'utilizzo di telecamere o addirittura di termocamere, il luogo nel quale il cane deve cercare e in questo modo, oltre ai tempi di ricerca, si riducono anche i rischi per entrambi.

Tra i centri cinofili d'Italia che per primi hanno sperimentato questa nuova tecnologia ce n'è uno proprio in Ciociaria. Nel "Centro cinofilo dei Volsci" di Sora da due anni si opera in questa direzione, addestrando cani e conduttori alla ricerca con l'aiuto dei droni. E i risultati sono sorprendenti. Ma non è tutto. Nel centro cinofilo è stato dimostrato anche quanto l'utilizzo del drone sia utile a far interagire bambini e cani. Una sorta di "pet therapy tecnologica" che ha permesso ad Andrea, un ragazzo con problemi di deambulazione, di realizzare un sogno, quello di diventare conduttore cinofilo. Con l'aiuto del drone, infatti, Andrea ha potuto condurre il suo amico a quattro zampe come qualunque altro ragazzo libero nei movimenti. Ed è proprio con lo spirito di far interagire i bambini con i cani addestrati nella scuola volsca che domenica 5 maggio "Associazione fedele al suo padrone Fenalc", con il patrocinio del gruppo cinofilo "Enci" di Frosinone, ha organizzato il "Droni dog", un evento che ha visto decine di bambini divertirsi con i droni e con gli amici a quattro zampe. Con l'utilizzo di droni inoffensivi, i piccoli hanno imparato a dare comandi base ai cani, ad esempio indicando loro dove andare a prendere i giochi e dove riportarli. Una giornata all'insegna del divertimento ma soprattutto un modo per avvicinare i più piccoli al mondo della cinofilia e scoprire quanto questa tecnologia possa aprire scenari nuovi.