Discariche abusive a cielo aperto, cassonetti stracolmi, carta straccia e bottiglie ai lati delle strade cittadine. La "cartolina" di Frosinone non mostra il suo aspetto migliore. Anzi.

Le colpe? Dalle segnalazioni ricevute dai cittadini, che hanno manifestato insoddisfazione, servirebbe un cambio di passo nel servizio da parte del gestore "De Vizia". Così come ci sarebbe bisogno di una maggiore cultura collettiva per battere l'inciviltà: «C'è bisogno di un'inversione di tendenza. Questa situazione non è più sostenibile». È questo, in estrema sintesi, uno degli sfoghi raccolti in questi giorni e che accende i riflettori sul decoro urbano e sulla pulizia della città. Una situazione che non coinvolge, in maniera esclusiva, le zone periferiche del capoluogo. Criticità, infatti, sono riscontrabili anche nelle aree nevralgiche di Frosinone. Come via Aldo Moro oppure il centro storico.

Le "cartoline" da Frosinone riguardano diverse zone. Cumuli di immondizia abbandonata in via Selvotta, sfalci, carta straccia e plastica in via San Giuseppe. E, ancora, pneumatici, bottiglie vuote e sacchi di spazzatura accantonati in uno spiazzo in via Alessandro Ciamarra, nei pressi di Fontanelle. Cassonetti pieni e, in più di un'occasione, con le buste lasciate nei pressi del bidone, invece, sono visibili in più punti della città. Emblematica, a tal proposito, la situazione riscontrata ieri nella tarda mattinata in viale Spagna, nella zona bassa del capoluogo. Criticità similari, inoltre, sono state riscontrate, sempre nella tarda mattinata di ieri, in via Superga, nella parte retrostante la tribuna del Parco del Matusa, in viale Giuseppe Mazzini, in via Fratelli Rosselli e anche in piazza Vittorio De Sica, situata nelle vicinanze della Villa Comunale. Così come per una traversa di via Aldo Moro. Indumenti abbandonati a terra, invece, in prossimità del cassonetto bianco posizionato in zona Scalo. A questo quadro bisogna aggiungere il fatto che, in più punti, ai bordi della strada, è facile imbattersi in carta straccia, bottiglie e piccoli contenitori di plastica.